I Rave Party in Italia

I Rave Party in Italia

Se stavi cercando informazioni  sui prossimi rave o free party puoi trovarle sulla pagina “infoparty“.

Introduzione

I primi rave in Italia nascono a Roma. Ultimi anni 80 inizio 90, il modo di ascoltare musica stava cambiando e con lei anche la moda. Si passa dalla musica strumentale, dei gruppi e dei cantanti che avevano segnato il tempo fino a quel momento, alla prima musica elettronica “house” all’epoca degli “Snap”. Anche il modo di vestirsi dei giovani cambiava, e così lo stile che aveva dominato in quegli anni e vale a dire i “Paninari” andava scomparendo.

I Primi Rave Party in Italia

Dall’ Inghilterra arrivavano notizie dei primi Rave-Party, che avevano riunito migliaia di giovani sotto il segno di quella musica, l’house, che da li a breve avrebbe cambiato di molto il suo futuro.
Nascono così, prendendo spunto proprio dall’ inghilterra, i primi rave party italiani. All’ inizio non si poteva parlare di vera e propria techno, ma il passo fu breve. Due anni intensissimi, che videro Roma e provincia, madrina di questi party. C’era molto entusiasmo, all’ epoca, sia da parte degli organizzatori sia dei giovani, del resto era una situazione della tutta nuova per quei tempi, e il guadagno per i primi ed il divertimento per i secondi era assicurato.
I luoghi dove si svolgevano le feste erano molto grandi (capannoni, terminal ecc..) gli impianti non avevano un limite, finché c’era watt si suonava, gli effetti ed i giochi di luce dei laser stupivano la gente che fino a quel momento non si era mai ritrovata in un contesto come quello.

I Club e le Radio

Ci fu così, il boom dei rave-party, tra i più famosi c’è il “Bresaola” che arrivò fino all’edizione 5 (si perché la 6a non è degna di nota, visto che cercarono di ricreare l’atmosfera di quei tempi in un periodo che vedeva bandito il termine Rave e i suoi affini). I locali più famosi erano il “Boca Village”, “L’ Acqua Piper” il Metropolis. Il numero di persone che seguiva questo nuovo movimento, si moltiplicava sabato dopo sabato, e si venne a creare un vero e proprio movimento di “ravers”. Si vedevano le prime teste rasate (non di carattere politico) i primi bomber, insomma, c’era adesso un modo di differenziarsi dal resto delle masse (questo per tutti quelli che credono che gli olandesi ne sanno più di noi, che facevano in questi anni in olanda? Non di certo quello che facevamo in Italia, non ci hanno insegnato nulla, anzi semmai è il contrario). Le radio iniziavano a trasmettere musica house & techno, tra loro rimarranno nella storia “Radio Centro Suono” e addirittura “Radio DJ” che era promotrice di molti rave.

Il Primo Crollo

Purtroppo però nel giro di 2/3 anni, si consumò l’inizio e la fine di quest’evento. Con l’entrata in scena di politica, droga e violenza si stava rovinando tutto, ma non ci si accorgeva di questo.
I “rave-party” iniziano a diventare un luogo dove, gratuitamente si poteva sfogare la propria violenza, la droga naturalmente era condottiera in questo. Gli accoltellamenti erano cosa frequente se non normale, gli organizzatori non avevano più a cuore la buona riuscita del party e così accecati dal denaro facile ci fu anche chi diede delle “sole” (fregature), un esempio per tutti il rave “Caos”, che pubblicizzato per mesi e mesi prima, con una notevole pubblicità su radio e flyers, risultò poi essere una vera e propria fregatura. Gli organizzatori scapparono con l’incasso lasciando più di 15000 persone in balia di pochi dj che non erano coloro promessi sui flyers, ma degli “apripista”, per non parlare dell’impianto.
Giunge così la fine di questi 2 anni e più, il termine “rave” è bandito, si vieta qualsiasi manifestazione con questo nome. Addirittura Roma e provincia è etichettata “zona rave” e cioè il territorio dove non si possono organizzare rave-party.

Si Torna all’Estero

E’ il ’93 e adesso la scena si sposta. In Svizzera è già 1 anno che c’è il mitico “Energy” con la “Street-Parade”, e un gruppo di ravers, che amava quel genere di musica, inizia ad attraversare l’Italia per giungere oltre le alpi, con il solo scopo di seguire quel genere di musica che purtroppo in Italia non sentirà per un po’.
Il resto è storia recente, il periodo svizzero 92/95 (cito i rave più famosi: Energy, Garden of Eden, Evolution) e poi l’Olanda 94/99 (cito i rave più famosi: Thunderdome, Hellraiser, Misteryland) che ha saputo interpretare al meglio quello che in Italia non abbiamo saputo fare.
E con questo è tutto, un breve riassunto sui tempi che furono (indimenticabili per me e tutti quelli che li hanno vissuti). Queste righe sono dedicate a tutti quelli che hanno fatto si che in qualche modo il nostro movimento non morisse ed hanno creduto in lui sino ai giorni d’oggi, anche se nel corso degli anni è cambiato, ma il concetto e l’amore per il rave farà sempre parte di noi.

fonte: http://web.tiscalinet.it/madness_art/style.html

Se vuoi aggiungere qualcosa o raccontare i ricordi dei primi rave party in italia scrivi a italiatechno!

Share

Lascia un Commento